venerdì 8 dicembre 2017

Banco BPM rimbalza verso i 2,90 euro. Profitto +3,65%

Banco BPM cerca di riprendere la strada del rialzo dopo la correzione di brevissimo che l'ha portata a sfiorare i 2,68 euro per azione, con minimo relativo a 2,686 euro. Il titolo era già uscito da una fase ribassista di medio periodo e adesso si trova in un range neutro compreso tra il primo livello di supporto a 2,60/62 euro e la resistenza a 2,90 euro. Sopra 2,90 euro avremo la prima conferma di inversione positiva con target immediato a 3,00 euro. Nel report operativo di lunedì scorso, il n° 216, si suggeriva di tenere monitorato Banco BPM e di intervenire in acquisto al prezzo di 2,75 euro con stop loss sotto quota 2,68 euro. L'acquisto è scattato in data 5 dicembre e i prezzo adesso sta risalendo a 2,85 euro portando un profitto lordo sulla posizione pari al +3,64%. A questo punto alziamo lo stop a pareggio in caso di ritorno del prezzo sotto 2,75 euro per non rischiare più nulla su questa posizione e manteniamo puntando al prim obiettivo di 2,90/92 euro per azione.

lunedì 4 dicembre 2017

Disponibile il Report Operativo n°216 del 4 dicembre 2017 - SOLO per gli ABBONATI

E' disponibile da stamani 4 dicembre 2017 il numero 216 del Report Operativo di XTraderNet

SOLO PER GLI ABBONATI 

Operazioni chiuse in profitto: BPER +8,14%; Banco BPM +2,37%; A2A +1,82%
Operazioni in corso: SNAM rete gas -0,24%; SHORT ENEL +0,9%; SHORT Leonardo +0,4%
Operazioni in stop loss: Telecom e UBI (stop a pareggio) 
 
Alla data del 14 LUGLIO 2017 la performance totale del portafoglio di XTraderNet ha generato in quarantasei mesi un PROFITTO lordo del +161,63%, pari al +42,16% su base annua

Nello stesso periodo di tempo l'indice Ftse Mib ha realizzato una performance del +21,9%, pari al +5,36% lordo su base annua

se sei interessato scrivi a: piersolda@libero.it
 

giovedì 30 novembre 2017

Aggiornamento livelli posizioni di oggi.

Buongiorno a Voi,
BPER +7% lordo. Spostare take profit sotto quota 4,45 euro (+4,7%) e mantenere con target 4,60 euro. 
A2A +2,6% lordo. Spostare take profit sotto 1,57 euro (+1,9%) e mantenere con target 1,66 euro.
Banco BPM +4,03% lordo. Inserire take profit sotto 2,85 euro (+2,5%) e mantenere con target 2,92 euro.
UBI +1,5% lordo. Alzare stop loss sotto 3,96 euro e mantenere con target 4,20 euro.
SNAM rete gas in profitto frazionale. Alzare stop loss sotto 4,19 euro con obiettivo sempre a 4,40 euro.
Telecom +0,7% lordo. Spostare stop loss sotto 0,694 euro e mantenere con obiettivo 0,735 euro.
SHORT ENEL in sofferenza. Stop loss in ricopertura sopra 5,60 euro da rispettare rigorosamente.
SHORT Leonardo scattato stamani in rottura dei 10,00 euro, ma il titolo recupera la soglia psicologica dopo un minimo intraday a 9,52 euro (+4,7%). Manteniamo con stop loss in ricopertura sopra 10,25 euro e in questo caso proverei un REVERSE della posizione, quindi stop short e contestuale apertura di un long con stop loss sotto 10,00 e target 10,80 e poi 11,20 euro.
Buon trading!
Se sei interessato al report operativo scrivi a: piersolda@libero.it

mercoledì 29 novembre 2017

Aggiornamento livelli posizioni in portafoglio

Buongiorno a Voi,
Spostiamo lo stop loss su A2A a pareggio sotto quota 1,545 euro per bloccare un profitto frazionale e coprire le spese dell'operazione. Siamo in profitto lordo del +1,4% e lasciamo correre verso il primo obiettivo di 1,66 euro.
SNAM rete gas resta debole e non riesce a rimbalzare. Rispettiamo lo stop loss se dovesse scendere sotto 4,17 euro.
Banco Pop. Milano (BAMI) entrata in acquisto lunedì, oggi risale portandoci un profitto lordo del +1,6% circa. Stop loss sempre sotto 2,714 e obiettivi a 2,92 e 3,00 euro.
BPER entrata in acquisto ieri a 4,252 euro risale sopra 4,40 euro portandoci un profitto lordo del +3,5%. Ci spostiamo in stop loss a pareggio sotto 4,25 euro e manteniamo con obiettivo 4,60 euro.
Altro acquisto scattato ieri su Telecom a 0,705 con il titolo che di mantiene sopra 0,70 ma fatica a trovare il rimbalzo. Stop loss sotto 0,687 euro.
Scattato oggi l'acquisto su UBI con il breakout di 4,00 euro. Stop loss sotto 3,90 euro.
Buon trading!
Per info sul report operativo scrivete a: piersolda@libero.it

lunedì 27 novembre 2017

Disponibile il Report Operativo n°215 del 27 novembre 2017 - SOLO per gli ABBONATI

E' disponibile da stamani 27 novembre 2017 il numero 215 del Report Operativo di XTraderNet

SOLO PER GLI ABBONATI 

Alla data del 14 LUGLIO 2017 la performance totale del portafoglio di XTraderNet ha generato in quarantasei mesi un PROFITTO lordo del +161,63%, pari al +42,16% su base annua


Nello stesso periodo di tempo l'indice Ftse Mib ha realizzato una performance del +21,9%, pari al +5,36% lordo su base annua

se sei interessato scrivi a: piersolda@libero.it


lunedì 20 novembre 2017

Disponibile il Report Operativo n°214 del 20 novembre 2017 - SOLO per gli ABBONATI

E' disponibile da stamani 20 novembre 2017 il numero 214 del Report Operativo di XTraderNet

SOLO PER GLI ABBONATI 
e per gli ISCRITTI ALLA MAILING LIST DI TOL EXPO' 2017!


 
Alla data del 14 LUGLIO 2017 la performance totale del portafoglio di XTraderNet ha generato in quarantasei mesi un PROFITTO lordo del +161,63%, pari al +42,16% su base annua

Nello stesso periodo di tempo l'indice Ftse Mib ha realizzato una performance del +21,9%, pari al +5,36% lordo su base annua

domenica 12 novembre 2017

Disponibile il Report Operativo n°213 del 13 novembre 2017 - SOLO per gli ABBONATI

E' disponibile ECCEZIONALMENTE da stasera domenica 12 novembre 2017 
il numero 213 del Report Operativo di XTraderNet

SOLO PER GLI ABBONATI 
e per gli ISCRITTI ALLA MAILING LIST DI TOL EXPO' 2017!

Operazioni positive chiuse: Tenaris +14,65%;  
SHORT Brembo +3,41%; SHORT Azimut +5,14%
 
Operazioni positive in corso: SHORT ENEL +1,95%;
 
Alla data del 14 LUGLIO 2017 la performance totale del portafoglio di XTraderNet ha generato in quarantasei mesi un PROFITTO lordo del +161,63%, pari al +42,16% su base annua

Nello stesso periodo di tempo l'indice Ftse Mib ha realizzato una performance del +21,9%, pari al +5,36% lordo su base annua
 
 

sabato 11 novembre 2017

Top Traders' Tour di venerdì 10 novembre. L'incontro fra tre culture del trading.

Partecipare ad un evento come il Top Traders' Tour, a fianco di traders del calibro di Rakesh Shah e Alan Grigoletto, e assieme a professionisti del settore, come Domenico Dall'Olio e Fabio Gaudioso, è stato per me, non solo un onore, ma soprattutto un piacere. Il piacere di scoprire che dopo vent'anni di di trading c'è sempre da imparare in questa meravigliosa attività, e che questi eventi costituiscono un'occasione, non solo per dare qualcosa agli altri, ma anche per prendere e portarsi a casa molto. Gli interventi si sono susseguiti ed intersecati alla perfezione, magistralmente orchestrati da Maurizio Monti, editore di TRADERS' Magazine, che ringrazio non solo per lo spazio che mi ha concesso, ma anche e soprattutto per avermi lasciato la massima libertà di espressione durante il mio intervento, confermando il carattere pluralista e liberale della rivista stessa.

Ovviamente ringrazio ancora una volta il pubblico che, come sempre, ha risposto prontamente anche a questo appuntamento ed è intervenuto numeroso. Un pubblico, devo dire, sempre più preparato tecnicamente e sempre più maturo nel recepire positivamente anche ciò che non vorrebbe mai sentirsi dire. Da parte mia spero di essere stato all'altezza delle aspettative e di avervi offerto gli spunti di riflessione necessari per fare un altro passo in avanti verso l'approccio professionale al trading. 

Vi ricordo che la registrazione completa del mio intervento è disponibile nella pagina facebook di Webank, alla quale potete collegarvi direttamente attraverso il link seguente:


Grazie a tutti e arrivederci a lunedì 13 novembre a "The Trading Floor" in Piazza Affari a Milano!

giovedì 9 novembre 2017

Azimut SHORT centrato target a 16,40. Profitto +5,5%.


Spostare take profit in ricopertura sopra 16,40 euro, e mantenere per il momento con target 15,70.

Azimut riprende la discesa e punta i 16,60 euro. Profitto sullo SHORT +3,18%.

Azimut ha accusato una netta flessione durante la prima metà di ottobre, con il prezzo che è sceso dai 18,60 fino ai 16,62 euro confermando la fase ribassista di medio periodo in essere dallo scorso maggio, quando il titolo quotava circa 19,50 euro. Tra la seconda metà di ottobre e l'inizio di novembre il prezzo ha effettuato un rimbalzo da ipervenduto, effettuando un pullback tecnico con volumi in contrazione sotto il supporto dinamico rialzista primario rotto al ribasso a metà ottobre, che passava nei giorni scorsi attorno all'area 17,40/50 euro. Nel report operativo n°212 di lunedì 6 novembre si suggeriva di aprire una posizione di vendita allo scoperto sul titolo Azimut al prezzo di 17,30 euro, anticipando dunque l'esaurimento del pullback, con stop loss in ricopertura sopra quota 17,75 euro e obiettivi ribassisti a 16,40 euro e poi 15,70 euro. Il titolo ha continuato il pullback con estrema precisione fino all'area 17,50 euro ma il nostro stop loss non è stato interessato, e ieri ha comninciato a scendere con forza e volumi tornando ampiamente sotto quota 17,00 euro. Oggi il prezzo scende ancora fino ad un minimo di 16,71 euro portandoci un profitto del +3,18% sulla posizione. Manteniamo ancora con tranquillità puntando all'area 16,40/60, nell'intorno della base del trend ribassista di medio periodo, e inseriamo subito un take profit in ricopertura sopra quota 17,15 euro, livello al quale bloccheremo un profitto minimo di +0,86% senza rischiare più nulla su questa operazione.  

mercoledì 8 novembre 2017

Brembo cede il supporto a 13,85 e conferma l'inversione. Profitto SHORT +5,2%.

Brembo ha intrapreso una fase rialzista di medio periodo a partire dalla seconda metà di agosto, con il prezzo risalito dai 12,65 fino ai 14,75 euro, dopo l'ampia correzione iniziata a maggio 2017 dal massimo storico di 15,18 euro. La long black del 24 ottobre accompagnata da volumi in forte espansione aveva già fornito un primo segnale di debolezza ed esaurimento del trend positivo, con il prezzo che aveva messo a segno un tentativo di reazione dopo il minimo relativo a 13,80 euro. Nel report operativo n°211 della scorsa settimana, di lunedì 30 ottobre 2017, si suggeriva di monitorare il titolo Brembo e di provare lo SHORT (vendita allo scoperto) in caso di recupero del prezzo fino a 14,35 euro, con stop loss in ricopertura sopra 14,75 euro e obiettivi ribassisti a 13,35 e poi 12,50 euro. Il trigger per la vendita allo scoperto è scattato venerdì 3 novembre e il prezzo ha cominciato a scendere effettuando un'accelerazione al ribasso tra ieri e oggi. Nell'intraday ha registrato un minimo a 13,37 euro e adesso recupera attorno ai 13,60 portandoci un profitto lordo sulla posizione del +5,23%. Manteniamo la posizione corta con take profit in ricopertura sopra 13,85 euro, livello al quale bloccheremo comunque un profitto minimo del +3,5% su questa operazione, mentre gli obiettivi rimangono fissati a 13,35 e poi 12,50/65 euro.

lunedì 6 novembre 2017

Disponibile il Report Operativo n°212 del 6 novembre 2017 - SOLO per gli ABBONATI

E' disponibile da stamani 6 novembre 2017 il numero 212 del Report Operativo di XTraderNet

SOLO PER GLI ABBONATI 
e per gli ISCRITTI ALLA MAILING LIST DI TOL EXPO' 2017!

Operazioni positive chiuse: Campari +5,39%;
 
Operazioni positive in corso: Tenaris +16,06%; SHORT Brembo +0,63%
 
Alla data del 14 LUGLIO 2017 la performance totale del portafoglio di XTraderNet ha generato in quarantasei mesi un PROFITTO lordo del +161,63%, pari al +42,16% su base annua

Nello stesso periodo di tempo l'indice Ftse Mib ha realizzato una performance del +21,9%, pari al +5,36% lordo su base annua
 
 

venerdì 3 novembre 2017

Tenaris centra il target a 13,15 euro e ritraccia. Profitto +14,5%.

Tenaris torna a salire e centra il nuovo obiettivo che avevamo fissato a 13,15 euro, dopo aver raggiunto i due target iniziali a 12,20 e 12,86 euro (vedi aggiornamento precedente). Al momento, con il prezzo a 12,97 euro ci troviamo in profitto lordo del +14,5% circa e manteniamo la posizione inserendo subito il trailing profit sotto quota 12,90 euro, livello al quale bloccheremo un gain minimo del +14,47% comunque vadano le cose. Vediamo se resta sopra a 12,90 e se recupera i 13,15 euro, e in questo caso punteremo a 13,45/50 euro. Seguiamola con attenzione.

giovedì 2 novembre 2017

Tenaris salta il secondo obiettivo in gap up e sfiora i 12,80 euro. Profitto +12,1%.

Tenaris si è mossa in una fase altalenante compresa tra il supporto a quota 11,00 euro e la resistenza a 12,20, movimento che è andato avanti dai primi giorni di agosto fino alle recenti sedute. La situazione di forte ipervenduto sul titolo e la fase di correzione iniziata il 6 ottobre, che ha riportato il prezzo sulla base del range citato, lasciavano pensare ad una possibile ripartenza del titolo verso la parte superiore del canale orizzontale. Nel report operativo n°210 dello scorso 23 ottobre 2017 si suggeriva di monitorare il titolo Tenaris per posizionare un acquisto in caso di superamento dell'area di resistenza di brevissimo a 11,32 euro, con stop loss sotto 10,98 euro e primo obiettivo 12,20 e poi 12,86 euro. Dopo l'acquisto, scattato martedì 24 ottobre, ci eravamo quasi pentiti di essere entrati in questa posizione dato che il prezzo è subito sceso nuovamente verso l'area degli 11,00 euro nelle due sedute successive toccando minimi a 11,06 e 11,05 euro. Tuttavia l'area di supporto ha tenuto ancora e il prezzo ha ripreso a salire dal 26 ottobre, e in poche sedute si è portato a ridosso della resistenza dinamica discendente di breve periodo passante per 11,70 euro. Successivamente il prezzo ha superato questa resistenza toccando i 12,00 euro e oggi lo ritroviamo con un forte gap up in apertura e prezzo che sale ancora segnando un massimo a quota 12,82 euro, molto vicino al nostro secondo obiettivo. Siamo stati molto fortunati, e ci ritroviamo con un profitto lordo vicino al +13% (al prezzo di 12,80 euro +12,97%). Manteniamo a questo punto con target a 13,15 euro e inseriamo un take profit sotto quota 12,45 euro, in modo tale di salvaguardare un profitto lordo minimo del +9,8%.

Campari raggiunge il secondo target a 6,90 e poi ritraccia. Profitto +6,4%.

Campari ha effettuato un lungo movimento di congestione tra l'area di supporto a 5,90 e quella di resistenza a 6,40 euro, andato avanti per tutto il corso dell'estate 2017 da maggio a ottobre. Il breakout di 6,40 è arrivato con il movimento del 12 ottobre accompagnato da volumi in netta crescita, e il prezzo del titolo ha raggiunto i 6,66 euro per poi andare a realizzare il più classico dei pullback verso l'area di resistenza divenuta supporto. Nel report operativo n°209 del 16 ottobre 2017 si suggeriva di monitorare Campari e di attendere il ritracciamento nell'area 6,40 per acquistare con stop loss sotto 6,29 euro e obiettivi a 6,62 in prima battuta e 6,90 euro in un secondo momento. Entrambi i target sono stati raggiunti con il titolo che ieri ha toccato un nuovo massimo storico a quota 6,95, portando la nostra posizione in profitto lordo del +8,6%. In questo momento, dopo il ritracciamento verso i 6,80 euro, ci troviamo in gain del +6,8% circa al prezzo di 6,835 euro, e manteniamo ancora la posizione con take profit sotto 6,75 euro in modo tale da bloccare un profitto lordo minimo del +5,6%. Seguiamo sempre con la massima attenzione.